Fotografando sotto la pioggia - Cosa portare?

La pioggia è, da sempre, sinonimo di magia e romanticismo, soprattutto se abbinata alla memoria di certi film come “Cantando Sotto la Pioggia” e Gene Kelly che balla e canta assieme al proprio ombrello.

Nel caso di un fotografo la stessa sensazione di magia un po’ si perde a causa dei pericoli che corre la propria attrezzatura. 

Purtroppo, sia che si voglia scattare per professione, sia che lo si voglia fare per passione, è necessario mettere in conto che prima o poi si faranno i conti con un’uscita fotografica sotto la pioggia e, se non si è ben attrezzati, possono essere dolori!

Nella mia esperienza di fotografo matrimoniale mi è capitato di dover affrontare delle giornate molto uggiose, soprattutto quando si scatta in primavera e autunno è necessario portare strumentazione adeguata con sé, altrimenti si rischia di rovinare la propria attrezzatura. 

La foto che segue è presa da una proposta di matrimonio a Venezia, compiuta verso la fine di settembre, un periodo estremamente soggetto a violenti acquazzoni. 

Come si può facilmente notare il meteo è tutt’altro che sereno, per questo mi ero attrezzato per bene per non farmi influenzare dalla pioggia. Un momento del genere - unico ed irripetibile - deve essere immortalato alla perfezione, a prescindere da quello che può riservare il tempo. 

Ecco cosa ho portato quel giorno per non farmi influenzare dal meteo: 

  • Una custodia antipioggia (questa è la mia, economica ed efficace), fondamentale per riuscire a scattare anche in condizioni di pioggia.
  • Un K-way, il vostro impermeabile di fiducia andrà benissimo, basta che sia dotato di cappuccio e vi copra efficacemente 
  • Un paraluce per il vostro obiettivo, solitamente venduto assieme all’obiettivo che state utilizzando. Anche se di solito viene usato contro i raggi solari, è utile a proteggere dalle pochissime gocce di pioggia che traspirano.
  • Uno zaino impermeabile, forse la cosa più importante, dove poter mettere a riparo la propria preziosa attrezzatura. Ci sono molti zaini in commercio, io personalmente uso questo del K&F Concept, senza dubbio il migliore per rapporto qualità-prezzo e utilissimo anche per contenere il PC per la post-produzione.

La custodia anti-pioggia è fondamentale, non sempre un servizio fotografico viene rinviato per pioggia (soprattutto se parliamo di eventi unici come le proposte di matrimonio a Venezia) e scattare le fotografie in completa sicurezza è importantissimo.

Ancora più importante è lo zaino, perché a prescindere che si stia per scattare un servizio o che si stia facendo un viaggio, se comincia a piovere e non si possiede uno zaino perfettamente sicuro ed impermeabile si rischia di dire addio alla propria macchinetta fotografica.

Il mio zaino  mi ha sempre dato tantissima sicurezza, a parte per la comodità e per la capienza, questo zaino per fotocamera è realizzato in materiale antiurto EPE ad alta densità, protegge dagli urti esterni (che sono sempre dietro l’angolo) ed è coperto, al proprio esterno, nylon impermeabile 900D e copertura antipioggia e antipolvere. A prova di acquazzone!

E voi come vi organizzate con la pioggia? Buona luce a tutti!